Visita Ortopedica

QUANDO FARE UNA VISITA ORTOPEDICA?

I soggetti maggiormente a rischio di sviluppare patologie a carico del sistema muscolo-scheletrico sono gli sportivi (stress eccessivo, traumi), le persone sedentarie (scarsa movimentazione), le persone in stato di obesità ( non solo carico eccessivo sulle articolazioni, ma effetto infiammatorio del grasso addominale) e le persone anziane (fragilità ossea da osteoporosi).

Se rientri in una di queste categorie dovresti iniziare ad occuparti della salute del tuo sistema locomotore. Soprattutto se riscontri dei sintomi, anche di lieve entità. Esistono infatti alcuni campanelli d’allarme che possono indurci a prenotare un consulto con uno specialista in patologie ortopediche:

  • Dolori articolari;

  • Dolore al collo (cervicalgia), che può irradiarsi alle braccia (brachialgia);

  • Dolore alle mani, con o senza deformità delle dita;

  • Cefalea o emicrania;

  • Dolore lombare che può irradiarsi anche agli arti inferiori (lombosciatalgia)

  • Dolore ai piedi con o senza deformità delle dita;

  • Difficoltà nell’eseguire movimenti con le gambe o con le braccia;

  • Coxalgia (dolore all’anca);

  • Gonalgia (dolore al ginocchio);

  • Deformità delle dita dei piedi;

  • Dolore ai piedi;

  • Precedenti in famiglia di patologie a carico dell’apparato muscolo-scheletrico.

 

 

 

 

LE FASI DI UNA VISITA ORTOPEDICA

Durante la visita l’ortopedico valuterà tutti i fattori che possono causare dolore o difficoltà di movimento prendendo in esame lo stato di salute di ossa, muscoli, tendini, legamenti e articolazioni.

Il medico ortopedico farà l’anamnesi del paziente cercando di ricostruire la sua storia clinica, individuando la presenza di patologie in famiglia o di traumi pregressi.

Dopo aver raccolto i dati essenziali, lo specialista indagherà sul problema che ha portato il paziente a sottoporsi alla visita approfondendo origine e periodicità del dolore e la presenza di segni che indichino una predisposizione di tipo reumatico, che può essere la vera causa del dolore accusato.

Successivamente procederà con l’esame obiettivo al fine di formulare una precisa diagnosi valutando parametri quali:

  • Sede del dolore e suo irradiazione a distanza;

  • Forza muscolare;

  • Ampiezza del movimento articolare;

  • Stato dei riflessi;

  • Morfologia dei piedi;

  • Assetto posturale;

Durante la visita specialistica, consiglierà al paziente il percorso più adatto a risolvere il problema.

0825 672232

3341833238

©2020 di Dott. Rocco Fusco